38/2011 libriletti: luigi bernardi, niente da capire, perdisapop, 2011

scontro frontale tra “la follia del giorno” e “la banalità del male”… scontro mortale, letale, scene dal delitto quotidiano in una marea di racconti brevi che narrano l’esito grondante di sangue dei delitti, familiari o condominiali, di persone che “hanno disimparato a vivere”… bernardi ha attinto dalla cronaca, l’ha trasfigurata fino a rendere labile il confine tra ciò che è avvenuto e ciò che potrà accadere in qualsiasi momento… ovunque! sì perchè è questo il punto… non è mica come pensa la sindaca di un paese in provincia di gorizia, turriaco, dove un paio d’anni fa, venne commesso un delitto. intervistata da un emittente telivisiva nazionale, rispose: si, ma né l’assassino, nè la vittima, nè la mandante sono del nostro paese!” (erano tutti residenti!), ma anche questa è una microstoria di follia quotidiana. bernardi, il grande bernardi, ci racconta il crimine in un modo nuovo ed eretico mettendo in fila, in appena 141 pagine, 13 racconti da cui un maestro del noir italiano alla moda avrebbe tratto per ognuno un libro di 200 pagine, non di più, perchè se non son racconti lunghi, gli editori italiani non li vogliono.
capitainsmoke

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: