80/2015: Anne Holt, Il ricatto, Einaudi 2012, pag 481

Anne Holt, Il ricattoDa inserire in quella categoria del giallo scandinavo di cui negli ultimi tempi, dalla trilogia di Larsson in poi, di certo non ci sono mancati gli esempi (anzi, forse ce n’è stato anche qualcuno di troppo!), Il Ricatto di Anne Holt è comunque un romanzo che vale assolutamente la pena di leggere.

Prima di tutto perché basta sfogliare le prime quattro o cinque pagine per rimanere col fiato sospeso, colti inevitabilmente dalla voglia matta di scoprire chi possa aver decapitato con una spada la moglie per bene del procuratore legale Sigur Halvorsrud. E soprattutto per quale motivo.

Il gesto di un folle o l’epilogo di un piano criminale progettato fino all’ultimo dettaglio? E se invece quella giusta fosse la pista passionale?

La Holt costruisce alla perfezione il suo romanzo, aggiungendo sapientemente una alla volta le tessere di un mosaico che si rivelerà essere, alla fine, ma soltanto allora, intricatissimo e spaventoso. Oltre ogni immaginario.

In che modo sarà coinvolto nell’omicidio, sempre che effettivamente un legame ci sia, il giornalista dell’Aftenposten Evald Bromo, uomo schivo e tranquillo, instancabile runner, ma con una malata e segreta passione per le ragazzine? E quali misteri si nasconderanno dietro l’inquietante figura dello scrittore dalle orecchie mozzate Eivind Torsvik, tornato da poco in libertà dopo l’omicidio del padre adottivo e fuggito dal mondo civile per ritirarsi in uno chalet sul mare?

L’instancabile ed energica detective Hanne Wilhelmsen condurrà le indagini senza fermarsi di fronte a niente né guardare in faccia nessuno, lottando per arrivare davvero alla verità, al di là di ogni apparenza.

Il tutto mentre il suo mondo privato e personale crolla e va in mille pezzi. Nel disperato tentativo di capire il significato di un lavoro come quello del poliziotto e il senso di una scelta: un amore solo e per tutta la vita. Cecile infatti, la sua compagna fin dai tempi del liceo, si scopre gravemente malata, e in quello che è un lento ed inesorabile cammino verso la fine, Hanne si trova ad accompagnarla tenendole la mano, con l’animo in preda a rimpianti e rimorsi.

Vita privata e lavoro si fonderanno nella caccia all’assassino, diventando, oltre a questo, la ricerca sofferta e disperata di un significato da consegnare alla vita, alla morte e all’amore.

http://www.libri-da-leggere.com/il-ricatto/


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: