140/2015: Lars Kepler, L’ipnotista, Longanesi 2010, pag 585

Lars Kepler, L'ipnotistaL’Ipnotista” (Longanesi, 2010), il thriller scritto a quattro mani dai coniugi Alexander Ahndoril e Alexandra Coelho Ahndoril, celatisi per mesi dietro il misterioso pseudonimo di Lars Kepler, è finalmente uscito anche in Italia.

La casa editrice milanese è riuscita, con destrezza, ad accaparrarsi i diritti di pubblicazione di quello che la critica internazionale ha definito l’erede diStieg Larsson.

Ed è proprio in onore al celebre scrittore svedese, scomparso prematuramente nel 2004, che  Alexander e Alexandra Adhndoril hanno scelto il nome del loro pseudonimo, rifacendosi, invece, al grande astronomo e matematico tedesco Johannes  Kepler per quanto riguarda il cognome.Attraverso una collaborazione quotidiana, dunque, i due coniugi, già famosi in Svezia come romanzieri, sono riusciti a dar vita ad un thriller di indiscutibile manifattura, costruito su una trama solida e coerente.

In una Stoccolma gelida e piovosa l’agghiacciante massacro di un’intera famiglia sconvolge l’opinione pubblica. L’unico superstite, nonché testimone degli omicidi, è un ragazzo di nome Josef, ricoverato in un grave stato di shock che gli impedisce di comunicare con il mondo esterno. Il ricorso all’ipnosi sembra essere l’unica soluzione dell’enigma. È qui che entra in gioco Erik Maria Bark, noto ipnotista, il cui passato è legato ad una promessa che adesso, sollecitato dal sagace commissario Joona Linna, dovrà infrangere, pagando a caro prezzo il suo ripensamento.

Attraverso un complesso intreccio di vicende e situazioni di grande suspense, gli autori dipanano la trama magistralmente, in modo da tenere il lettore in continua tensione, utilizzando l’espediente dei capitoli che si chiudono senza far intravedere una soluzione, suscitando anzi ulteriori dubbi ed ipotesi circa gli avvenimenti. Chi e quali sono i colpevoli? Difficile scoprirlo da soli, senza la sapiente e scaltra guida degli autori che, con abile maestria, tengono deste, dall’inizio alla fine, l’attenzione e la curiosità di chi legge.

L’Ipnotista” è, dunque, un libro da leggere tutto d’un fiato. In teoria, però, perché, in pratica,saranno in pochi, in realtà, coloro i quali non cadranno nella tentazione di centellinarne avidamente le pagine, pur di prolungare il più possibile l’avvincente lettura.

Alexander Ahndoril, nato a Upplands Väsby nel 1967, è un autore e drammaturgo svedese. È scrittori di romanzi e racconti. “Il regista“(2006) e “Il diplomatico“(2009) sono due dei suoi romanzi più celebri.

Alexandra Coelho Ahndoril, nata a Helsingborg nel 1966, è autrice e critica letteraria. Nata da padre svedese e madre portoghese, è da sempre appassionata di teatro. Ha debuttato in ambito letterario nel 2003 con “Star Castle“.

http://www.ilrecensore.com/wp2/2010/03/lars-kepler-%E2%80%9Cl%E2%80%99ipnotista%E2%80%9D-thriller-agghiacciante/


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: