La dolce squallida vita nella Auschwitz di Amis

Sesso, pettegolezzi, tradimenti nelle case delle SS intorno al Lager

 Martin Amis «La zona d’interesse» Einaudi pp. 304, € 20
PAOLO BERTINETTI per La Stampa

La zona d’interesse è un libro da leggere. Per capire, dopo che Benigni lo ha fatto in chiave comico/sentimentale, se è possibile parlare della tragedia dell’Olocausto in chiave grottesca. Martin Amis racconta una storia che intreccia le vicende private di alcuni abitanti della «zona d’interesse» che si trova accanto al campo di concentramento vero e proprio (dell’area, cioè, che ospita gli uffici e le residenze delle SS). Sono l’ufficiale Golo Thomsen, nipote del gerarca nazista Martin Bormann, Paul Doll, il Comandante del campo, e sua moglie Hanna – che Golo, immediatamente dopo averla vista per la prima volta, ha subito provato a immaginare «come potesse essere senza i vestiti».

Una storia di sesso, di pettegolezzi, di tradimenti e di squallida mondanità come quella che potrebbe riguardare dei tranquilli borghesi legati dal comune impiego presso la stessa ditta. Con la differenza che la ditta è Auschwitz: «Un osservatore ostile», dice un amico di Golo osservando il collaudo di due nuovi forni crematori, «potrebbe trovare tutto questo alquanto riprovevole».

Doll, il Comandante, è basato sulla figura di Rudolf Höss, il vero comandante di Auschwitz, processato a Norimberga e impiccato nel 1947. Amis riporta la sua dichiarazione finale, «ho raggiunto l’amara consapevolezza di avere gravemente peccato contro l’umanità». Forse, avendo scelto il taglio grottesco, avrebbe dovuto citare un’altra sua frase. Accusato, nel corso del processo, di essere responsabile della morte di tre milioni e mezzo di persone, replicò: «No, solo due milioni e mezzo, altre cinquecentomila morirono di stenti».

Nel romanzo il Comandante è un uomo viscido e meschino, che beve come una spugna e che deve subire il disprezzo della moglie. «Sono giunto alla conclusione che è stato davvero un tragico errore: sposare una donna così alta». Si rifà con la giovane Alisz che è piccolina, che mette incinta e che fa abortire ovviamente di nascosto: senza anestesia. Quando la descrive, le parti del corpo sono scritte in tedesco. Unterschenkel, gambe, un po’ corte; Hinterteil, natiche, superbe; Busen, tette, niente di speciale; e Sitzflache, posteriore, su quello non si discute. La ragione di questa scelta linguistica non è chiara; ma non riguarda solo la descrizione di Alisz, è un vezzo narrativo, forse dettato dall’intento di rendere più «tedesco» il modo di esprimersi del personaggio. D’altronde a un certo punto del romanzo leggiamo che Golo Thomsen si chiede se la storia del nazismo «si sarebbe mai potuta svolgere in una qualunque altra lingua».

Doll è uno dei narratori del romanzo. Un secondo narratore è Golo; un terzo narratore (dallo spazio limitato) è Szmul, il capo dei Sonderkommando, i prigionieri che «lavoravano» nei forni crematori. E’ a lui che è affidata la dimensione tragica dell’Olocausto, quasi en passant, come a suggerire la difficoltà di raccontare o anche soltanto di commentare quell’immane tragedia con gli strumenti della letteratura. Il libro, leggiamo nell’ultima pagina, è dedicato alla memoria di Primo Levi e di Paul Celan, ai due sopravvissuti che ci riuscirono. Amis sa bene che poteva muoversi soltanto su un altro piano; e sa di dover rendere loro omaggio.

Resta tuttavia la necessità di interrogarsi sulla sua scelta. In passato Amis ha spesso voluto affrontare i Grandi Temi. La guerra nucleare in I mostri di Einstein, lo stalinismo in Koba il Terribile, la rivoluzione femminista in La vedova incinta, l’undici settembre in Il secondo aereo. Dell’Olocausto già aveva parlato nellaFreccia del tempo. Rispetto a molti scrittori impegnati a indagare piccole vicende private, ben venga l’ambizione di affidare alla letteratura la riflessione sulle grandi questioni che riguardano l’intera umanità. Il problema è non farsi prendere la mano dal proprio ruolo di narratore, proponendosi come inventore di storie che alla Storia ambiguamente si richiamano.

http://www.lastampa.it/2015/10/30/cultura/tuttolibri/la-dolce-squallida-vita-nella-auschwitz-di-amis-Oz6IbzkWohNynFH8oRKIIL/pagina.html


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: