Macri cancella il divieto, tornano i libri stranieri in Argentina

Da 4 anni il proibizionismo di Cristina Kirchner aveva portato i prezzi a livelli proibitivi. Sosteneva che l’inchiostro delle industrie estere fosse nocivo

In Argentina “Harry Potter e la Pietra Filosofale” costa più del doppio che in Uruguay. “Games of Thrones” arriva addirittura al 237% in più di quanto non venga venduto in Brasile. Solo il capolavoro della letteratura nazionale “Rayuela”, di Julio Cortazar, è più economico nelle librerie di questo lato del Rio de la Plata che altrove: si tratta del risultato di quattro anni di blocco all’importazione di libri stampati all’estero, imposto per decreto dal governo di Cristina Kirchner e appena cancellato dal nuovo presidente, Mauricio Macri.

 

«Tornano a circolare le idee nel Paese», ha detto il ministro della Cultura, Pablo Avelluto, annunciando il provvedimento che ha preso insieme al collega che guida il portafoglio della Pianificazione, e che ha già ricevuto il plauso dei distributori locali. Meno contenti, naturalmente, sono i tipografi argentini. L’amministrazione Kirchner, infatti, aveva esteso le politiche protezioniste di cui aveva fatto una prassi generale, anche al settore dell’editoria. Come scusa, sosteneva che l’inchiostro impresso sulle pagine straniere contenesse piombo in eccesso e fosse nocivo per i lettori, i quali però finivano col pagare di più quella che con tono patriottico o ironico, qui si chiama «industria nacional».

In un Paese di lingua spagnola, non si tratta di una questione minore. Gli editori di qualsiasi altra nazione dell’America Latina o della Spagna stessa, infatti, potranno ora tornare sul mercato locale senza grosse modifiche ai propri cataloghi. Macri, dal canto suo, ha vinto le elezioni promettendo proprio di aprire l’economia ai mercati esteri e liberalizzare i commerci. Sono politiche che applica su tutti i fronti e che da oggi saranno visibili anche in libreria.

FILIPPO FIORINI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: