Lettera 43

Albania, Tirana tra stalinismo e avanguardia

Architetture socialiste e post-moderne. Tradizione e contemporaneità. Liberismo e collettività. Viaggio nei contrasti dell’Albania e della sua capitale.

di Barbara Ciolli

Agosto 2016

da Tirana

  • L’eroe nazionale albanese Skanderbeg nell’omonima piazza. 

«Un bunker, vuole vedere un bunker?»
Sulle spiagge, dentro gli hotel, agli angoli delle strade di Tirana, dappertutto.
Sparsi ce ne sono più di 700 mila: i bunker e le fortificazioni erano l’ossessione di Enver Hoxha e sono oggi i dolmen d’Albania, un ingombro e un’attrazione turistica.
IL PASSATO? FASCISMO E MIGRANTI. Poco si sa ancora in Italia del passato di questo piccolo Paese oltre l’Adriatico – meno di 3 milioni di abitanti per 28 mila chilometri quadrati: grande poco più della Lombardia, che però è popolata dal triplo delle persone – se non che venne occupato dai fascisti di Benito Mussolini e che, 25 anni fa, portò in Puglia barconi straripanti di migranti

  • Un’ex fortificazione di regime a Tirana.

Quasi 50 mila albanesi arrivarono tra Bari e Brindisi tra il marzo e l’agosto del 1991 in fuga da un regime stalinista da Corea del Nord vicino di casa indisturbato, che, saltata l’Unione sovietica, sarebbe collassato da lì a poco.
Dopo venne l’anarchia del 1997, l’equivalente albanese dei crac degli oligarchi russi: solo un caos ancora più criminale, drammatico, al limite della guerra civile. E altri esodi di massa, incluso il naufragio nel canale di Otranto della Kater i Rades, del quale quasi nessuno in Italia si ricorda.
STEREOTIPI SU ARMI E BARCONI. Ma se chiedi a due italiani su tre dell’Albania ti risponderanno subito Valona e Durazzo: due nomi che sono ancora un marchio, i porti dei barconi arrugginiti e dei traffici delle armi e della droga dai Balcani.
Al limite ti parleranno dei bunker ridipinti diventati chioschi e bungalow e qualcuno, se magari ha un collega di lavoro albanese, ti dirà pure che «pare l’Albania sia bella».

Realsocialismo d’Albania: il Museo storico nazionale di piazza Skanderbeg.

Qui, dopo 50 anni di collettivismo forzato, nella Tirana degli albanesi bruciati dal pubblico («privato, solo privato») spicca una piazza con le architetture realsocialiste tra le meglio conservate dei Paesi dell’Est: un paradosso.
È il luogo principale da vedere nella capitale. Le statue di Lenin e Hoxha furono abbattute dal popolo nel 1992 e al loro posto c’è oggi l’eroe nazionale a cavallo Giorgio Castriota Skanderbeg, crociato della cristianità contro gli ottomani.
Ma nel grande prato centrale, d’estate, si fanno le proiezioni di Good Bye Lenin!: un clima da Ostalgie, almeno per gli stranieri.
HOXHA, REGIME QUARANTENNALE. Il dittatore Enver Hoxha ha guidato la Repubblica popolare d’Albania dalle lotte partigiane del 1944 fino alla morte nel 1985, che aprì al governo di un blando successore e alla dissoluzione.
Autarchia, ateismo di Stato, economia del baratto: raccontano i giovani albanesi che i loro genitori vivevano sigillati, uscire dal Paese era impossibile dopo la rotta di collisione dell’Albania anche con la Jugoslavia, la Russia e la Cina comuniste.

Tirana: la proiezione del film ”Good Bye Lenin!” in piazza Skanderbeg.
Impalato sullo stalinismo, Hoxha rifiutava le riforme di Tito e Krushev e temeva a ogni ora l’invasione.
Quando le sirene risuonavano, la popolazione correva per le esercitazioni: un perenne stato di allerta in un regime segnato dalla povertà, dall’arretratezza e dalla repressione. «Ancora 20 anni fa», ricorda un’anziana originaria di Valona, «la costa era vuota: “solo” il mare e le fortificazioni».
Hoxha aveva costruito anche un bunker antiatomico vicino a Tirana, ma a onor del vero non era un tiranno ingordo e megalomane.
UNA PIRAMIDE PER IL DITTATORE. La piramide-mausoleo in sua memoria fu eretta dalla figlia e dal genero.
Lui viveva in una villetta a misura d’uomo a due piani in centro: la casa comune più fotografata, oggi, tra piazza Skanderbeg e quel che resta della Piramide.
Un padre-padrone rigido e frugale in una terra segnata dai grandi traffici balcanici è un’altra grande contraddizione dell’Albania: Paese dai mari e dai fiumi trasparenti, di aspre montagne e di montanari sul mare che conservano gelosi usanze e antichi dialetti.

La piramide-mausoleo in memoria di Hoxha.

A Tirana è arrivato il mondo, ma in giro sui bus si notano pochissime persone incollate a tablet e iPhone.
Il poliedrico premier e pittore Edi Rama, ex sindaco, ha rilanciato la capitale a pennellate di colore e creatività e ora vuole far entrare il Paese delle aquile nell’Unione europea.
Ma qui i rapporti tra la gente sono ancora plasmati dagli imperativi del codice orale kanun: che tra le altre cose dice che l’ospite è un Dio da onorare, ma anche che i torti fatti vanno ripagati, e senza sconti.
UN INTRECCIO DI RELIGIONI. Identità complessa, poi, l’albanesità: il 70% della popolazione è musulmano, ma non pratica l’islam e ha scelto come massimo patriota il cristiano Skanderbeg; gli altri si dicono ortodossi (20%), cattolici (10%) e crescono anche i testimoni di Geova, insieme alle moschee degli imam radicali spuntate come funghi. Questo solo per la religione.

  • Street art nelle periferie di Tirana.

    Per strada, più pulizia e ordine pubblico che in Italia: pochissima microcriminalità e polizia vigile, case aperte nelle campagne.
    Ma la capitale dove vive la maggioranza della popolazione è ancora il motore di business leciti e illeciti, regolati dal passaparola e da un tasso alto di corruzione.
    A 25 anni dalla caduta del regime manca gran parte delle infrastrutture, diversi appalti sono stati infiltrati da mafie e bloccati. Il riciclaggio resta una piaga dell’economia, come le piccole e grandi tangenti degli apparati statali.
    UN PAESE EMERGENTE. Dal 2013 Rama – premio dell’Onu per le politiche sociali – ha chiuso parecchi cantieri, distrutto ecomostri sulle coste e cerca di stroncare speculazioni e malaffari: un lavoro lungo, in tanti lo «stimano».
    Altri lo attaccano per il liberismo: «È il Renzi d’Albania, ha detto agli stranieri ”Venite qua, tasse al minimo e zero sindacati”».
    Ma il premier deve fare i conti anche con una popolazione che, dal 1992, rigettato lo statalismo non ha mai fatto ripartire le ferrovie e contesta anche il progetto di una grossa centrale pubblica di autobus.


  • Un’opera della Galleria nazionale di arte contemporanea a Tirana.

Meglio i furgon, i pulmini privati.
Diverse autostrade sono in costruzione, si viaggia su quattro corsie solo tra Tirana, Durazzo e Valona. Dal Sud si risale verso il Nord dai valichi di strade montane nell’entroterra punteggiato di autogrill. Ma lo stallo sarebbe un’immagine sfocata dell’Albania.
Dal 2014 il Paese è un candidato ammesso a entrare nell’Ue: l’economia cresce a un ritmo del +3% di Pil, in 10 anni il tasso di povertà si è dimezzato e gli stipendi medi – pur ancora bassi – sono quasi raddoppiati da meno di 200 a quasi 400 euro al mese.
CANDIDATA ALL’UE. L’istruzione tra i giovani è molto alta, il loro attivismo e la volontà di distinguersi sono palpabili e l’attesa per i finanziamenti europei è oggi la danza della pioggia del Paese delle aquile.
Però con le politiche filo-tedesche di Bruxelles il rischio è che, nell’Ue, l’Albania diventi una seconda Romania per la manodopera da sfruttare.

  • La ”Nuvola” dell’architetto giapponese Sou Fujimoto a Tirana.


Nelle periferie e nell’entroterra resistono sacche di povertà.
La sanità, in balia come l’immobiliare a privati albanesi e stranieri, è interamente da ricostruire.
I responsabili del percorso guidato Visioni, Albania 2030 alla Galleria nazionale d’Arte di Tirana, ci raccontano dei piani di sviluppo programmati dal governo: «Per secoli siamo stati controllati da Stati stranieri, poi abbiamo avuto il regime comunista e dopo Hoxha gli albanesi hanno confuso l’anarchia con la democrazia. Adesso dobbiamo educare la gente a organizzare questa libertà».
LANCIO DI UN TURISMO SOSTENIBILE. Nella progettazione urbanistica ci sono il potenziamento delle connessioni dei porti con il bacino mediterraneo, la costruzione della Trans Adriatic Pipeline (Tap) dal Mar Caspio alla Puglia, la realizzazione di infrastrutture e il lancio di un turismo sostenibile.

  • A Tirana le opere del dissenso comunista di Budapest.


L’esposizione di cartine, programmi e video nel museo è un viaggio nella storia e una proiezione nel futuro dell’Albania.
L’Agenzia per la Pianificazione nazionale territoriale spiega a Lettera43.it che «al lavoro c’è un grosso team di ingeneri, architetti, economisti, creativi, designer».
DISSENSO SOCIALISTA. Stretta tra il palazzo del governo e la Piramide diroccata di Hoxha, la Galleria nazionale di Tirana è il centro di arte contemporanea coccolato da Rama: un faro d’avanguardia nella capitale.
Di notte, l’ingresso è illuminato dalla grande Nuvola di Sou Fujimoto. Dentro, il pianterreno ospita una mostra dedicata a Cervantes e una temporanea sulla contestazione al regime comunista ungherese con opere dalla collezione del Ludwig Museum di Budapest.

  • Socialismo reale alla Galleria nazionale d’Arte di Tirana.


Gli autori sono gli artisti socialisti magiari del dissenso interno: il percorso del premier albanese, artista e politico intuitivo ora un po’ in declino, figlio di comunisti e leader giovanile della contestazione, oggi iscritto e leader del Partito socialista albanese, erede del Partito del Lavoro di Hoxha.
COLLEZIONE SOCIALISTA. Al primo piano del museo, sotto Visioni 2030 sfila una lunga carrellata di statue e quadri del socialismo reale albanese: la proclamazione d’indipendenza, poi l’esaltazione della dittatura del proletariato, i ritratti delle donne operaie albanesi che tanto contribuiscono e hanno contribuito a far sopravvivere il Paese.
Molti contrasti, tanti schizzi e tutti insieme fanno l’Albania.

Twitter @BarbaraCiolli


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: