STORIE

SANKT PAULI, UNA STORIA DI CALCIO, POLITICA E ROCK’N ROLL

Totenkopfflagge und Che Guevara im St. Pauli-Fanblock FC St. Pauli - SV Werder Bremen, Fussball DFB-Pokal Viertelfinale am 25.01.06, saison0506

Totenkopfflagge und Che Guevara im St. Pauli-Fanblock
FC St. Pauli – SV Werder Bremen, Fussball DFB-Pokal Viertelfinale am 25.01.06, saison0506

«Ho semplicemente preso una bandiera, l’ho legata ad un manico di scopa e sono andato allo stadio. La mia bandiera aveva un teschio dei pirati con una benda, in segno di libertà e di resistenza all’autorità.»

Per una certa sinistra ortodossa il football ha rappresentato l’espressione più bassa del proletariato, una ciotola di cibo dozzinale da dare in pasto agli strati più bassi della società.
La cultura punk, dal canto proprio, non godeva di migliore opinione.

Germania, Amburgo, il quartiere portuale di St. Pauli, partigiano meticcio anticonformista “indecoroso”…pirata: una secolare storia di ribellione e sfida al sistema.
Il Jolly Roger – il teschio bendato – sventola sulle case occupate dell’Hafenstrasse e nello stadio del Millerntor. A saldare gli spalti e gli spazi della metropoli.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: